SESSO GAY E AMICIZIA

Ciao Project,
in questi giorni mi trovo a dover decidere alcune cose della mia vita, o almeno di un periodo della mia vita. Ho 26 anni, ho avuto qualche storia finita male ma non ne ho riportato nessuna conseguenza negativa. Premetto che sto molto attento alla prevenzione delle malattie e che evito pratiche pericolose quando non sono sicuro che chi ho davanti non rappresenti un rischio per me. Voglio dire che il sesso che chiamano completo, a parte che non è mai stato nelle mie fantasie, è una cosa che potrei fare solo col preservativo. Per qualcuno è una fissa ma, da quello che vedo, per tanti non lo è.

Evitando radicalmente le pratiche a rischio, e dico praticamente tutte, resta che comunque fare sesso è gratificante lo stesso, non dico solo per me, ma per tante persone, diciamo così, meno fissate. Questo, diciamo, è il lato prevenzione. Quindi sembrerebbe che un contatto sessuale, se opportunamente gestito, col preservativo o evitando pratiche a rischio, possa non essere pericoloso, però a questo punto c’è un’altra faccenda, che è la riservatezza circa la propria sessualità e qui mi sono posto tante domande.

Tanti ragazzi pensano che la loro sessualità sia un elemento assolutamente speciale della loro fisicità, che deve essere riservato solo al loro ragazzo, cioè ragazzo fisso, oppure a bravate varie, giustificabili proprio perché bravate, ma senza un minimo di affettività. Cerco di spiegarmi meglio: noi come segno di amicizia ci diamo la mano, che è già un contatto fisico, che in genere viene banalizzato, ma quando tocchiamo la mano di un ragazzo che ci interessa, quel toccarci la mano ci dà una scossa fortissima, quindi non è il fatto in sé di toccarsi o meno la mano che conta, quel gesto ha valenze diverse a seconda della persona cui è diretto.

Io posso pure abbracciare un amico che sta passando un brutto momento e non penso certo che devo farne a meno per il fatto che io faccio lo stesso gesto anche con mio ragazzo, dal quale magari mi sento molto coinvolto. Perché tutto questo non deve avvenire anche col sesso? Cioè perché il sesso deve essere riservato esclusivamente al mio ragazzo? Io potrei benissimo avere un amico che può avere bisogno anche di un contatto sessuale e non solo di un abbraccio, perché dovrei negarglielo per il fatto che il sesso deve essere riservato soltanto al mio ragazzo? Sulle cose del sesso c’è molta più possessività che su qualunque altra cosa.

Adesso sgombriamo il campo dalla presenza di un ragazzo, intendo di un fidanzato o qualcosa di simile, perché io non ho un fidanzato, Se mi trovassi di fronte ad un ragazzo che secondo me ci terrebbe molto ad avere anche qualche contatto sessuale con me, naturalmente in condizioni di totale sicurezza, perché dovrei dirgli di no, per il solo fatto che dovrei riservare la mia sessualità al mio futuro ragazzo (o anche al mio attuale ragazzo, se ne avessi uno)? Come si dà una calorosa stretta di mano o un abbraccio a un amico in un momento in cui ne ha bisogno, perché non si dovrebbe fare lo stesso anche con il sesso?

Io ho provato a fare questo discorso ad alcuni ragazzi che conosco, qualcuno mi ha guardato perplesso, altri l’hanno risolta con una battuta, ma nessuno ha preso la cosa sul serio, era una specie di tabù intoccabile, e non riesco a capire perché. Ma andiamo al concreto. Io ho un amico che ha una vita sessuale molto più libera della mia. Diciamo subito che non è un libertino ma dà al sesso anche un enorme valore affettivo. Adesso questo ragazzo è rimasto praticamente solo per ragioni che io non conosco, ma suppongo che i suoi amici, non fossero amici nel senso pieno del termine, cioè che per loro lui fosse uno che va bene finché non crea problemi e dice sempre sì, poi, quando si rendono conto che non riescono a gestirlo come vogliono loro, lo scaricano e ciao. Io voglio bene a questo ragazzo, le sue fragilità sono analoghe alle mie, ma so bene che noi non saremo mai una coppia.

Non mi sento veramente attratto sessualmente da lui e penso che anche lui non si senta troppo attratto da me, ma in certi momenti un po’ di sesso può fare bene, può aiutare a mettere da parte la malinconia e a stare un po’ meglio, perché vedi che c’è uno che ti accetta e che capisce e tuoi bisogni, che non ti dice di no, che non ti chiede nessun impegno e che, almeno in un certo senso, ti vuole bene senza condizioni, magari solo per una sera. Lui non sarà mai il mio ragazzo, questo lo so benissimo, ma non mi sembra un motivo serio per dirgli di no. Io non ho un ragazzo, quindi nessuno ci può rimanere male.

Ho pensato che fare un po’ di sesso potrebbe illuderlo magari che io mi stia innamorando di lui, ma lui sa benissimo che non è così. E poi, se anche io avessi un ragazzo, mi creerebbe veramente problemi avere un ragazzo che mi vuole impedire una cosa che mi viene assolutamente spontanea. C’è questa idea non dell’amore esclusivo ma del sesso esclusivo, che è segno di gelosia e di possessività. Quando dico queste cose mi rispondono che ragiono così perché non ho un ragazzo ma io penso che avere un ragazzo, con queste cose non c’entri proprio niente.

Perché un po’ di sesso non può essere anche una componente normale dell’amicizia? Ecco, la domanda è questa.

_____________

Se volete, potete partecipare alla discussione di questo post aperta sul Forum di Progetto Gay:

http://progettogayforum.altervista.org/viewtopic.php?f=23&t=7006

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...