RAGAZZI GAY IN ALBERGO

Ciao Project,
mi sono messo a scrivere e non so nemmeno perché. Non so se è che voglio stare per forza al centro dell’attenzione, però pensare che mi leggerai mi fa una strana sensazione perché nessuno si interessa veramente a quello che faccio o penso. Mia madre in pratica mi passa solo un po’ di soldi, e pure pochi, ma per il resto se ne fraga del tutto, mio padre, ammesso che sia veramente mio padre, mi tiene in albergo come se fossi un pensionante estraneo, non mi tiene con sé in casa perché gli romperei le scatole, mi tiene proprio in albergo, lui ha un albergo e lì mi ha riservato una stanzetta, la peggiore dell’albergo, quella che non la venderebbe a nessuno, però così almeno non lo vedo quasi mai. Non è cattivo ma mi considera un pacco in deposito che si deve tenere per forza. È per questo che penso che non sia mio padre. Ultimamente però siamo ai ferri corti. Sto in una stanza d’albergo, ok, ma quella è casa mia, dico casa, non sono un ospite dell’albergo, quindi ci posso portare chi mi pare e ci posso fare quello che mi pare, o no? Beh, per lui no! La settimana scorsa ci ho portato un ragazzo e ho dormito con lui. Naturalmente il personale dell’albergo ha fatto la spia, perché non si fanno mai i cavoli loro. Ma io dico, voi siete pagati per pulire, per tenere in ordine, mica per fare la spia. Vabbe’ poi mio padre vuole sapere chi è, perché è rimasto con me, ecc. ecc., io gli racconto un po’ di balle, che è un mio compagno di scuola e abbiamo studiato fino a tardi e allora ha dormito con me. E qui giù domande perfide, perché nella mia stanza c’è un solo letto, mi ha chiesto se ho fatto portare un secondo letto, gli ho detto di no, perché era tardi e non volevo rompere le scatole al personale, e lui insisteva: “Ma avete dormito nello stesso letto?” E gli ho detto di sì. Ha fatto una faccia strana, ma non ha insistito, però penso che abbia capito. Se gli avessero detto che avevo portato una ragazza in camera sarebbe stato contento, ma così era stranito forte. Siccome l’ho visto incazzato nero (e quando lo vedo così sono molto soddisfatto) il giorno appresso ho insistito perché il mio compagno si trattenesse di nuovo a dormire con me. Questa volta ho chiesto al personale di montare un lettino che ovviamente non abbiamo usato. Anche questa notizia è arrivata immediatamente all’orecchio di mio padre che si è ripresentato, ma il discorso lo prendeva solo alla lontana. Io gli ho detto che la notte faceva freddo, questo perché doveva pensare che abbiamo dormito abbracciati perché faceva freddo. Tre giorni fa il disastro. Mio padre va a parlare coi professori, professori nuovi, perché sono stato bocciato e ho cambiato scuola. Io nella scuola nuova ho deciso di tenere sempre comportamenti liberi, perché mi devo reprimere? Liberi ma educati con tutti. I prof. non sono stupidi e non hanno fatto storie (non hanno nemmeno fatto finta di non vedere) e anche i compagni nuovi, salvo piccole cose proprio all’inizio, non hanno fatto storie. Mio padre va a parlare con la prof. di Italiano, che gli dice tutta sorridendo che sono un bravo ragazzo che non si è schiuso e che l’ha presa bene e che non è inibito nonostante tutto, è un discorso strano, mio padre non capisce, la prof. si rende conto che lui non sa e fa macchina indietro, la conversazione diventa imbarazzata, poi tornano su discorsi formali e il colloquio finisce lì. Così me l’ha raccontata la prof.. La prof, esce con una scusa dall’aula e va ad avvisare i colleghi che mio padre non sa. Gli altri rimangono sul generico ma l’insegnante di religione no! Prende da parte mio padre e gli dice che io a scuola sto sempre abbracciato con uno e che del fatto che sono gay non ne faccio mistero. Mio padre finisce il giro dei prof. cercando conferme ai discorsi del prete, ma non ne trova. Il giorno appresso me lo ritrovo in albergo. Ma lui ai colloqui con prof. della vecchia scuola non c’era mai andato, nemmeno quando lo avevano chiamato con una raccomandata perché stavo per perdere l’anno. Non c’è voluto molto perché capisse, prima lo sospettava solo, ma adesso era una certezza. Viene da me e vuole sapere. Io sgrano tanto d’occhi e gli dico: “Ma sei rincitrullito del tutto? Io frocio? (ho detto proprio frocio!)” E l’ho mandato a quel paese come se avesse detto una cosa assurda. Se n’è andato, parecchio dubbioso, perché ero stato molto deciso. Ma io dico: ma che te ne frega a te? Non te n’è mai fregato un cazzo per quasi vent’anni e adesso vuoi fare il papà? Ma vai a farti fottere! L’amico col quale mi tengo abbracciato a scuola non è quello che è venuto in albergo e con quello dell’albergo non ci ho fatto proprio nulla perché è 100% etero, anche se non ha preconcetti, al punto che abbiamo dormito nello stesso letto, e poi non c’erano pericoli, perché è pure brutto e di fare qualcosa con lui proprio non mi è mai passata la fantasia. Il fatto è che io sono solo. Quest’anno dovrei finalmente riuscire a fare la maturità. Per l’università è una cosa ambigua, voglia di studiare ne ho poca, ma lì ci sono tanti ragazzi e c’è una certa libertà, non è come a scuola che è come una galera. Vorrei fare una facoltà leggerina, mio padre mi vuole mandare ad economia perché dice che pensa di potermi inserire nella gestione dell’albergo, ma secondo me è una cosa detta così per dire perché con i rapporti che abbiamo non si fida certo di me, a parte che pensa che sono un incapace, pensa che io lo possa mandare fallito per dispetto. Sono gay, ma non ho un ragazzo, non è mai stata la mia idea fissa, vorrei soprattutto un amico, meglio ancora ne vorrei più di uno. Bei ragazzi ne ho visti tanti, ma a parte che probabilmente erano etero, quando provavo a parlarci mi sentivo un marziano, dicevano solo io, io, io, e basta, allora meglio stare solo o con uno etero intelligente, come il ragazzo che è venuto all’albergo. Non mi voglio vendere per un po’ di sesso, voglio uno che mi voglia bene veramente, se c’è bene, se non c’è ne faccio a meno, non voglio finire nella trappola delle coppiette che si mettono insieme tanto per giocare un po’ e poi alla fine non ne vengono più fuori e fanno finta che quella è la scelta di fondo della vita. No! E lo dico per esperienza indiretta, perché i miei si sono messi insieme proprio così e adesso sono due falliti alla ricerca di rivincite. Non cerco ragazzi sui siti di incontri o con applicazioni strane, se mi capiterà il ragazzo giusto sono disposto a dargli tutto me stesso, ma se si sente subito odore di bruciato lo mollo e me ne vado. Tra parentesi, avevo visto un ragazzo molto bello, forse pure lui etero, poi ho visto che si è acceso una sigaretta e allora mi è crollato subito. Ci sono cose che mi preoccupano, soprattutto l’università, perché penso che non combinerò niente più o meno come è successo a scuola, anche perché non vedo una sola facoltà che mi interessa veramente, di matematica non ho mai capito niente, giurisprudenza è la facoltà dei figli di papà, lettere e filosofia è cosa per le ragazze (e poi non mi piace proprio perché sono tutte ragazze), economia non la farei mai per non dare una soddisfazione a mio padre. Che ci resta? Psicologia? Mah… la vedo proprio nera, magari con un ragazzo vicino sarebbe diverso.
Tutto qui, Project, se mi rispondi, poi magari mi faccio risentire. Ciao!
Lello
p.s.: se vuoi, pubblica la mia mail.

__________

Se volete, potete partecipare alla discussione di questo post aperta sul Forum di Progetto Gay: http://progettogayforum.altervista.org/viewtopic.php?f=21&t=5238

Annunci

Un pensiero su “RAGAZZI GAY IN ALBERGO

  1. Ma non sarebbe stato tutto più semplice se tu fossi stato sincero da subito con tuo papà? 🙂
    Forse ti saresti risparmiato tutte queste perplessità, e anche un bel po’ di mal di stomaco!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...