IL DOTT. ALETRINO E I GAY NORMALI

Arnold Aletrino (1 Aprile 1858 – 16 Gennaio 1916) era un medico olandese, professore di Antropologia criminale; nel Congresso di Antropologia criminale, tenutosi ad Amsterdam dal 9 al 14 Settembre 1901,(1) presentò una sua relazione “La situazione sociale dell’Uranista” che scatenò un astioso risentimento moralistico da parte di alcuni suoi colleghi che lo identificarono come difensore dell’immoralità. Aletrino, per la prima volta in un congresso scientifico, presentava l’omosessualità come normalità e non come patologia e identificava le radici della sofferenza degli omosessuali non nell’omosessualità ma nelle reazioni sociali assolutamente incongrue alla omosessualità. Le sue argomentazioni erano assolutamente laiche, tendevano a separare nettamente l’analisi antropologica dalla morale e miravano, diversamente dall’uso del tempo, a concentrarsi sulla sofferenza del soggetto, da liberare dalle pressioni di tipo sociale, più che sulla sua presunta pericolosità sociale. Nel 1912 Aletrino partecipò alla fondazione del ramo olandese del Comitato Scientifico Umanitario, nato in Germania nel 1897 per opera di Magnus Hirschfeld, pioniere della lotta per i diritti dei gay. Riporto qui di seguito, la mia traduzione della Relazione di Aletrino e delle repliche degli altri congressisti. Sottolineo che le posizioni contro le quali Aletrino prendeva posizione nel 1901, sono molto simili a quelle tuttora sostenute dalla Chiesa Cattolica.

                                                                                                     Project

—–oooOooo—–

Quinto congresso internazionale di antropologia criminale

Tenuto ad Amsterdam nel 1901

Sessione del venerdì mattina

Presidenza del professor BENEDIKT. Il primo punto all’ordine del giorno è quello della sessualità. Il Sig. Aletrino legge il suo rapporto sulla situazione sociale del Uranista. 

Relazione del sig. Dr. A. Aletrino, medico, Professore Associato di antropologia criminale presso l’Università di Amsterdam.

LA SITUAZIONE SOCIALE DELL’URANISTA

Prima delle pubblicazioni di CASPER e TARDIEU, altri già, sia in Germania che in Svizzera e in Francia, hanno concentrato l’attenzione sulle persone con anomalie sessuali. Generalmente queste pubblicazioni contengono solo osservazioni riportate dagli autori così come le avevano annotate, senza commenti. Basterà ricordarvi i nomi di RAMDOHR e di MEINERS nel XVII secolo, e quelli di MORITZ, di EHRENBERG, di HUFFLI, di KAAN di BRIÈRE DE BOISMONT, di MICHÉA, ecc. ecc.. Ma anche prima di loro, le manifestazioni della vita sessuale che si definiscono come contro natura erano già note. La Bibbia le menziona (Sodoma e Gomorra), i Greci le riconoscevano (ZEUS e GANIMEDE, SCOCRATE e ALCIBIADE), tra i Romani, al tempo della decadenza, abbondavano (PETRONIO ci segnala come persone che avevano queste abitudini, CESARE, CALIGOLA, NERONE, ELIOGABALO, etc.); e nel Medioevo, soprattutto presso i Cavalieri Templari e nel mondo in “menestrelli” erano note in Germania e in Inghilterra. L’amore degli uomini per gli impuberi, in Oriente, fin dall’antichità più remota, era una manifestazione universalmente conosciuta e riconosciuta della vita sessuale.

Il primo che introdusse la parola Urning nella lingua fu ULRICHS, che nel 1864, si pose, sotto lo pseudonimo NUMA NUMANTIUS, come difensore del buon diritto degli uomini che si sentono più fortemente attratti verso l’uomo che verso la donna. Nel suo zelo nella difesa di una causa che era un po’ la sua (perché lui stesso aveva una natura uranista) arrivò fino a desiderare l’approvazione legale ed ecclesiastica del matrimonio e del rapporto sessuale tra uomini!

Nonostante gli altri nomi che si è cercato di fare adottare, quello di Urning graziosamente trasformato dai Francesi in “uranista” è rimasto, e serve ancora per designare una certa classe di uomini in cui esiste questa particolarità che il loro proprio sesso è più attraente per loro che il sesso opposto.

Classificando gli uomini secondo le loro manifestazioni sessuali, gli uranisti(2) formano una classe distinta. Quindi non bisogna confonderli con i sadici, i masochisti, il necrofili, i feticisti, i flagellanti e gli effeminati, che, tutti, sono persone con anomalie sessuali. Eppure questo è esattamente ciò che è stato fatto finora e ciò che viene fatto anche oggi; molti studiosi li assimilano ancora agli effeminati. E questa assimilazione non è affatto sorprendente. Perché il medico alienista KRAFFT-EBING è stato uno dei primi, dopo CASPER, a rivangare il problema dei sentimenti sessuali. Dato che studiava le anomalie sessuali emerse tra i suoi pazienti, è chiaro che egli considerava tutte le inclinazioni uraniste, come stati di malattia. Con o senza la pederastia e l’effeminatezza, quelle inclinazioni erano per lui solo i sintomi di una anomalia psicologica o anatomica.

MOLL, LAUPTS, CHEVALIER e altri, per lo più medici come lui, seguendo i suoi passi, non potevano che commettere lo stesso errore, poiché anch’essi non vedevano che malati che imploravano l’aiuto dei medici contro le loro aberrazioni sessuali, che dopo l’esame, si dimostravano come sintomi delle loro anomalie psichiche. Non giudicando, dunque, che sulla base di coloro che, sentendosi malati, andavano a consultare il medico alienista, e dimenticando che ci potevano essere molti altri che, non considerandosi malati, non avrebbero mai avuto l’idea di andare da un medico, pur sapendosi diversi alla generalità degli uomini, non si notava la selezione involontaria a causa della quale lo studio non poteva che seguire una strada sbagliata. È proprio in seguito a questa distrazione dei medici e al fatto che la maggior parte di coloro che erano autorevoli nello studio della vita sessuale contro natura erano medici alienisti, che si è attribuita all’uranismo una certa degenerazione e che si è classificato l’uranista tra i degenerati. Eppure, non c’è nulla di più irrazionale e quasi di più illogico.

La verità innegabile che ci sono dei degenerati nei quali l’aberrazione sessuale si mostra come un sintomo di degenerazione non può mai giustificare l’attribuzione di tutte le diversità sessuali (e ora stiamo prendendo in particolare in considerazione l’uranismo) a una degenerazione. L’idea sbagliata che l’uranista debba essere assimilato ad un pederasta, a un effeminato e un degenerato, o che sia identico a loro, rimase fino a quanto MARC-ANDRÉ RAFFALOVICH non portò ordine in questa confusione pubblicando i suoi studi sull’uranismo. È stato lui che per primo ha parlato di un “uranista normale”. È stato il primo che ha considerato l’uranista normale alla pari dell’eterosessuale normale: e inoltre il primo che non si è limitato allo studio della sua vita sessuale. Se ci fosse solo questo fatto che l’uranista – cioè colui che, fin dalla sua giovinezza, prima della pubertà, si sentiva interamente ed esclusivamente attratto da persone dello stesso sesso, e questo “sessualmente, emotivamente, sensualmente, amorosamente e intellettualmente”, come disse Raffalovich – è esposto al disprezzo del suo ambiente, che lo rende infelice, una correzione delle opinioni che lo riguardano non sarebbe strettamente necessaria. Ma ora, dato che si tratta della felicità di molti individui, la correzione è necessaria, tanto più che il nostro senso di giustizia ci vieta di condannare il nostro simile.

Questo giudizio dalla società sull’uranismo è la conseguenza di due false premesse:

1) una morale sessuale prefissata e

2) l’opinione corrente sulla natura della vita sessuale.

Consideriamo in primo luogo questa seconda opinione. Per giudicare l’uranismo bisogna esaminarlo – esattamente come l’eterosessualità – in modo neutro; bisogna considerarlo come un’espressione della sessualità. Ci dimentichiamo e abbiamo sempre dimenticato che, per valutare la situazione sociale dell’uranista, una morale sessuale prefissata è fatalmente fuorviante. Questa dimenticanza è in qualche modo scusabile, se non perdiamo di vista la falsa asserzione, sempre ripetuta da tutti: che ogni individuo nasce con un debole determinato per l’altro sesso; in altre parole che, dalla differenziazione sessuale, la donna è attratta verso l’uomo e l’uomo verso la donna. Ora i fatti sono lì a dimostrarci il contrario.

CONNOLLY NORMAN così come MAX DESSOIR e W. JAMES hanno mostrato che quasi ogni individuo normale che abbia raggiunto un’età tra i dodici e i quindici anni, attraversa un periodo di indifferenza sessuale, che la prima manifestazione della vita sessuale di ciascuno di essi è sconosciuta e che i gusti sessuali di ogni persona normale possono manifestarsi in direzione del proprio sesso.

Durante questo periodo, l’individuo non si sente attratto né dall’uno né dall’altro sesso, ma prova amore e amicizia, o uno o l’altro, altrettanto bene per una persona del suo stesso sesso che per una persona del sesso opposto. Generalmente questa indifferenza non persiste dopo la pubertà. È proprio allora che si definisce l’interesse sia per una persona del sesso opposto sia per una dello stesso sesso: l’individuo diventa eterosessuale o omosessuale. Poiché riteniamo che, durante questo periodo di indifferenza, l’ambiente possa spingere il bambino in una o nell’altra direzione, è chiaro che, a nostro avviso, il soggetto in questione merita l’attenzione degli educatori.

Tuttavia ci sono casi in cui l’individuo nasce con tendenze omosessuali, di cui vediamo le manifestazioni dalla sua prima giovinezza. Per dimostrare che un’inclinazione omosessuale può verificarsi a volte in eterosessuali adulti e che Raffalovich ha quindi ragione quando dice: “Così gli eterosessuali hanno tutti, chi più chi meno avuto tendenze unisessuali [omosessuali]”, voglio citarvi il caso una donna di alto livello, eterosessuale, sposata, la quale mi ha assicurato che molto tempo prima del suo matrimonio, lei era innamorata di una donna, e con un amore assolutamente simile a quello provato per le persone di sesso opposto, senza alcun desiderio sessuale. E ancora quella di un mio amico, un uomo di cui nessuno potrà contestare l’alto valore, che è sposato, che tiene le donne in grande considerazione, che le ama molto e per due volte si è anche sentito attratto verso gli uomini da un sentimento simile a quello che si prova per una donna, ma senza desiderio sessuale.

Siamo convinti che un gran numero di casi simili potrebbero essere forniti se ciascuno si sottoponesse ad un controllo minuzioso su questo punto, o se facesse delle ricerche di questo tipo nel suo ambiente. Tuttavia, il periodo di indifferenza sessuale e l’attitudine che consegue a uno sviluppo bilaterale sia per suggestione sia per influenze ambientali, dimostrano che una tendenza uranista non è sempre una situazione patologica, ma è innata nell’uomo. La prova di questa capacità dell’istinto sessuale di manifestarsi in una delle due direzioni ci è fornita, inoltre, anche dal fatto noto che ci sono tanti uomini eterosessuali che intrattengono relazioni omosessuali, quando manca loro l’occasione di manifestazioni eterosessuali, per esempio durante i lunghi viaggi in mare, nelle carceri e nei campi di prigionia.

Mi si obietterà, forse, che queste persone dovrebbero essere più o meno degeneri! Ma questo non sminuisce il fatto che la maggior parte di coloro che, nelle situazioni di cui sopra, stringono relazioni omosessuali non hanno mai sentito questa tendenza omosessuale durante il periodo in cui hanno avuto la possibilità di soddisfare la loro inclinazione eterosessuale. E non è ammissibile che l’individuo possa acquisire la tendenza omosessuale in età adulta, se non c’è in lui la capacità, la disposizione, il germe, il cui sviluppo può essere favorito dalle circostanze. Al massimo si potrà dire che l’inclinazione omosessuale latente in ognuno, può essere risvegliata più facilmente e rapidamente nei degenerati in questione, dal momento che sono più suscettibili ad essere suggestionati e la loro forza morale è troppo bassa perché possano resistere alle loro passioni. Da quello che ho appena detto consegue che il periodo di indifferenza sessuale, così come il fatto che una persona che è sempre stata eterosessuale talvolta acquisisce, sotto l’influenza dell’ambiente, tendenze omosessuali che scompaiono non appena le circostanze sono favorevoli alla manifestazione eterosessuale, dimostrano che l’uranismo non è un’anomalia. E per dimostrare che entrambe le manifestazioni sessuali possono verificarsi alternativamente nello stesso individuo, si possono aggiungere a questi casi di “persone di una forza morale inferiore” non solo quelli di persone niente affatto inferiori che, anch’esse, hanno conosciuto un periodo omosessuale e sono di nuovo ritornate eterosessuali, ma anche quelli che si dicono ermafroditi psichici. Perché è chiaro che la maggior parte di queste persone sono eterosessuali chiaramente caratterizzati con delle inclinazioni omosessuali, oppure persone innegabilmente omosessuali con delle inclinazioni eterosessuali.

Il fatto che ci si ostini, in tutti questi casi, a considerare la tendenza omosessuale un sintomo di degenerazione non dimostra affatto che sia effettivamente così. Al contrario, i casi degli uomini molto superiori che hanno avuto inclinazioni uraniste dimostrano che queste inclinazioni possono certamente essere presenti in individui normali, dotati di sentimenti nobili e di facoltà morali e intellettuali altamente sviluppate.

Esaminiamo ora più da vicino la questione della morale sessuale. Lascio da parte la questione del disgusto che si può provare nell’immaginare la manifestazione sessuale di un uranista. Questo disgusto è assolutamente soggettivo, come lo è anche l’avversione che ognuno di noi può sperimentare immaginando le manifestazioni sessuali eterosessuali, sia in generale che in un caso speciale. Non proverò nemmeno a spiegare il fatto, piuttosto enigmatico, che, quando si parla di un uranista tutti, più o meno distintamente, ma sempre e subito si immaginano le sue manifestazioni sessuali, mentre non facciamo così quando si tratta di eterosessuali. Nella vita ordinaria facciamo anche finta di non pensarci mai! Da dove deriva tutto questo? Deriva forse dalla convinzione errata che omosessualità e pederastia siano sinonimi, errore che ci fa vedere un pederasta in ogni uranista? È probabile.

Ma allora c’è qualcuno che logicamente possa spiegare il fatto che vediamo sempre nell’uranista una persona di cui bisogna diffidare, che fa la posta ad ogni ragazzo e ce lo immaginiamo come uno che vive solo per la soddisfazione i suoi desideri lussuriosi? Invece, parlando di un eterosessuale, nessuno penserà in continuazione alle prodezze sessuali di quell’individuo, non si avrà paura che costui consideri ogni donna e ogni ragazza minorenne che incontra come una preda ambita? Perché, allora, l’uranista non è tollerato nella nostra società? Perché anche a giudicare con mitezza, si considerano le sue manifestazioni sessuali contro natura, e grazie a loro, si considera la persona stessa immorale.

L’opinione corrente su ciò che è naturale o innaturale nella vita sessuale è il risultato del punto di partenza delle idee su questo argomento. Si parte dall’idea che non ci possa e non ci debba essere che un solo tipo di accoppiamento di individui, vale a dire quello di due persone di sesso diverso, perché ogni unione deve mirare alla fecondazione. E dove questo obiettivo non è evidenziato, dove si tollerano le unioni cosiddette platoniche, si sostiene comunque che il fine di ogni contatto sessuale deve essere la fecondazione. Ecco anche perché ci sono molte persone che condannano i matrimoni non fertili, soprattutto quelli che lo sono volontariamente e li qualificano come immorali. E anche per questo che ci sono così tante persone che definiscono immorale il coito eseguito secondo le norme anti-concezionali. Ma questa idea che il contatto sessuale avrebbe come scopo la fecondazione è un errore. Esaminando l’evoluzione filogenetica della vita sessuale si vede che l’istinto primordiale è l’istinto di perpetuare e preservare la specie e che l’impulso a fecondare, il mezzo per raggiungere questo scopo, è per così dire secondario. Questo impulso è la combinazione di due sentimenti, uno dei quali è quello che MOLL ha definito Detumescenztrieb (desiderio di scaricarsi), vale a dire la tendenza a produrre solo un cambiamento in organi troppo pieni e tesi per l’abbondanza del loro contenuto (nel caso specifico gli organi genitali).

Fu solo più tardi, in animali già meglio organizzati, che la Contrectationstrieb (il desiderio di toccarsi, di unirsi) si collega ad esso, mentre ancora più tardi, nell’organizzazione degli animali superiori, in particolare degli esseri umani, il desiderio è accompagnato da un fattore psicologico: il desiderio di abbracciare una particolare persona. Ma la Detumescenztrieb è e rimane fondamentale. Al più basso grado dell’evoluzione, non c’è la fecondazione propriamente detta; presso gli animali meglio organizzati la fecondazione avviene per caso, l’organo teso si scarica sia che ci sia sia che non ci sia fecondazione dopo lo svuotamento dell’organo sovraccarico di umore. La fecondazione ne può seguire o meno. Non è una conseguenza inevitabile. Inoltre, tutti sanno che molto spesso il coito dell’eterosessuale non è affatto fecondante. Non sappiamo come accada – ed è soprattutto di grande interesse per gli animali di ordine superiore – che il desiderio di scaricarsi nasca in un momento particolare, in una stagione speciale, etc.. A poco a poco, magari attraverso la selezione e l’ereditarietà, i mammiferi hanno sviluppato il concetto e la tendenza a scaricarsi, a depositare lo sperma nella vagina della femmina, forse perché in questo modo l’eccitazione è più adatta a procurare una sensazione piacevole per l’animale.

Certamente gli animali meglio organizzati non hanno acquisito la propensione al deposito di sperma nella vagina insieme all’impulso fecondatore. Ma questo metodo si è dimostrato il più favorevole alla fecondazione rispetto a qualsiasi altro. Originariamente la riproduzione viene effettuata solo per scissione. Tra gli organismi che sono ancora sui primi gradini della scala evolutiva ce ne sono già di quelli la cui riproduzione avviene solo dopo un reciproco scambio di materiali. Ma una differenza di genere non esiste ancora. Negli organismi più sviluppati la riproduzione avviene attraverso cellule speciali. Nel regno animale è solo tra individui policellulari che distinguiamo cellule maschili e cellule femminili. Queste cellule differenziate si producono nei diversi organi sessuali. All’inizio le troviamo ancora unite in ogni individuo, in modo però che la fecondazione richiede l’unione di due individui (ermafroditi).

È solo negli organismi meglio organizzati che uno dei due organi, o l’ovaio o i testicoli, non riesce a crescere e che l’individuo mantiene solo un tipo di ghiandola sessuale. Tra gli animali superiori, infine, vale a dire tra quelli che partoriscono, vediamo lo sviluppo di organi utili per ricevere e mantenere l’uovo fecondato (utero). Possiamo dare per certo che nella riproduzione degli animali meglio organizzati, compresi gli esseri umani, la tendenza a depositare lo sperma nella vagina della femmina è solo un mezzo per riunire due cellule, lo spermatozoo e la cellula ovarica, e tale atto non è istintivo o non deve la sua origine al fatto che l’animale era a conoscenza della finalità che stava perseguendo. Molto probabilmente è stato solo più tardi, vale a dire, dopo lo sviluppo dell’intelligenza, che si è capito e riconosciuto che questa modalità di espressione sessuale è la più appropriata allo scopo, la più efficace. Tuttavia, è impossibile affermarlo con certezza e fornirne la prova. Perché si tratta di dare una spiegazione dell’istinto sessuale, come di diversi istinti (ad esempio, l’istinto viaggiatore di alcuni uccelli).

A questo proposito ci si è impegnati in speculazioni filosofiche; si sono date anche molte definizioni della parola “istinto”, ma finora non si è risolta in modo positivo la questione se gli istinti debbano essere spiegati con il fatto che, dal principio l’individuo sarebbe stato a conoscenza dello scopo che questi atti chiamati “istintivi” gli facevano raggiungere. Dal momento che non ci sono prove a favore dell’opinione che affermerebbe che, dalla sua origine, la fecondazione, mentre essa non poteva che essere un processo fisiologico che portava a volte a questo risultato, sarebbe stata lo scopo previsto dello scaricamento degli organi sessuali (che è solo il mezzo per raggiungere l’obiettivo), non è corretto parlare di atti contro natura, quando un matrimonio o una convivenza rimangono senza figli. Ne consegue che, se l’argomento “natura o contro natura” viene quindi annullato, è perfettamente indifferente dal punto di vista della morale, che qualcuno si scarichi su un individuo dello stesso sesso o su un individuo del sesso opposto. Inoltre, lo scarico può anche avvenire in modo diverso dal rapporto sessuale. Voglio solo ricordarvi la masturbazione, le eiaculazioni notturne in uno stato di sogno, il rapporto extra-vaginale, e soprattutto i casi citati dal Dr. MOLL nel suo De Libido Sexualis. In questi casi di eterosessuali ben definiti, in cui non si tratta di perversione, la propensione a realizzare il coito in un modo qualsiasi manca totalmente ed è sempre mancata. Basta a questi uomini guardare il corpo della donna o abbracciarla e si verifica l’eiaculazione. Benché il grado di soddisfazione provata dopo qualche atto non possa mai essere un argomento scientifico, voglio prevenire in anticipo l’affermazione che tali scarichi non potrebbero mai dare la solita soddisfazione constatando che i fatti la contraddicono, e qualsiasi modalità di scarico dà la stessa soddisfazione. Da qui si deduce che la soddisfazione sentita dall’uranista dopo il suo scarico è identica a quella sentita da una persona che esercita il coito in modo diverso rispetto al solito. L’idea che il rapporto sessuale tra due persone di sesso diverso (nella nostra società, il matrimonio) avviene a scopo riproduttivo, o meglio, sarebbe il risultato di un impulso istintivo tendente alla fecondazione, ha poco valore. Come abbiamo visto, l’impulso che tende a fecondare non è primordiale, ma solo un mezzo per raggiungere l’obiettivo di mantenere e perpetuare la specie. Non è impossibile che in tempi antichi esso fosse istintivo nell’uomo. Ma è assolutamente certo che ora non lo è più. Noi vogliamo citare, come elementi di prova, il caso in cui il coito è effettuato anche se la donna è in stato di gravidanza, il caso in cui una delle due persone sappia che l’altra è sterile e il caso in cui il coito ha luogo quando la donna ha già superato il climaterio. Inoltre, nella nostra società, la vita sessuale, l’espressione sessuale con l’intenzione di riprodursi è diventata un atto deliberato. Ha completamente perso il carattere speciale degli istinti, poiché può essere un atto di volontà e contiene, in ogni caso, l’intervento del pensiero e della riflessione sulla conservazione della specie. Questo intervento del pensiero e della riflessione non è forse dimostrato dall’aumento progressivo del numero dei matrimoni che sono volontariamente sterili, vale a dire, dal progresso del neo-malthusianesimo?

Se consideriamo il coito di per sé, senza partire dall’idea che esso non debba essere permesso se non al fine di mettere al mondo figli; se per giudicarlo, non assumiamo pregiudizialmente il punto di vista di una certa morale sessuale, acquisiamo la convinzione che l’uranista debba essere giustificato e trattato sullo stesso piano dell’eterosessuale. La causa dell’attrazione provava per un’altra persona, sia da un uranista che da un eterosessuale, non si trova nell’analogia o nella differenza degli organi sessuali, ma in alcune disposizioni di cui nessuna delle due parti sembra essere in grado di dare una spiegazione soddisfacente. È sia la somiglianza che la diversità, o entrambe le cose insieme (Raffalovich). Che l’unione sia omosessuale o eterosessuale, uno dei due è sempre l’elemento predominante. Mentre la dissomiglianza sessuale, vale a dire, la differenza di caratteri sessuali, primari o secondari, è l’unica forza di attrazione che porta ad una unione di due persone di sviluppo intellettuale inferiore o di persone poco suscettibili ai sentimenti, si può osservare tutti i giorni che nelle unioni delle persone più civilizzate, è piuttosto la somiglianza intellettuale o emotiva che ha determinato la preferenza. La dissomiglianza sessuale è servita a qualcosa, ma non tanto quanto la somiglianza intellettuale. E vediamo che l’influenza di quest’ultima è generalmente dovuta allo sviluppo intellettuale o ai sentimenti di un coniuge.

Attualmente un uomo che vuole sposarsi desidera, generalmente almeno, che la donna gli sia quanto più simile possibile per quanto riguarda le idee, i sentimenti e il dovere. E più lei gli è intellettualmente simile, tanto più lui si sentirà attratto da lei. Per contro, quanto più la donna è intellettualmente dissimile da lui, più lui si sentirà lontano da lei. È vero che potremmo citare casi in contrario, ma questi casi citati confermano la regola, che è questa: che in ogni unione di eterosessuali di livello superiore, la somiglianza di intelligenza e sentimenti è l’elemento più importante, non solo la causa che la fa nascere, ma soprattutto la forza che la fa durare. E necessario che, accanto a questa somiglianza esista anche dissomiglianza (le caratteristiche sessuali), che, anch’essa aiuta a portare avanti l’unione. Ma un rapporto più immateriale, un rapporto ideale è possibile solo quando la somiglianza è quasi completa. In ogni unione di intelletti superiori, il lato materiale di questa unione è relegato su un piano secondario, il rapporto spirituale è il principale, quasi l’unico che dura e che può durare.

Ora può accadere che l’amore per la somiglianza sia così grande che un individuo si senta attratto solo da un individuo sui generis [del suo genere], perché per quanto simile possa essere una persona del sesso opposto, questa somiglianza è necessariamente incompleta in quanto la persona amata avrà sempre le qualità inerenti al suo proprio sesso e queste qualità necessariamente esercitano la loro influenza sulla sua intelligenza e sui suoi sentimenti. Ora, l’unica differenza tra un eterosessuale e un omosessuale consiste in questo: nel primo, l’attrazione non nasce unicamente dalla somiglianza intellettuale, ma anche dalla diversità corporale, mentre per quanto riguarda l’omosessuale, l’unica causa del suo attaccamento è il suo gusto esclusivo per la similarità, corporale così come spirituale.

Supponiamo ora che una scarica si verifichi in questi due casi diversi di accoppiamento. È chiaro che l’unione omosessuale non potrà mai ottenere un risultato dalla sua manifestazione sessuale che da ogni punto di vista sia pari a quello dell’unione eterosessuale. Perché quest’ultima può portare alla nascita di un bambino. (Mi si concederà comunque che questo risultato potrebbe non esserci. Un eterosessuale molto superiore potrebbe certamente, sotto l’influenza dei suoi sentimenti altruistici, provare per il bambino stesso un tale amore da desiderare di non averne.)

La differenza tra i risultati di questi due tipi di unione è solo la conseguenza delle differenze anatomiche e non, per quanto riguarda l’unione eterosessuale, e non dell’istinto di fecondazione. Nessuno potrà mai affermare che nell’unione eterosessuale, la nascita del bambino sia sempre il risultato di un precedente desiderio, meditato o meno, di avere figli da una determinata persona, né che essa sia sempre la conseguenza di un desiderio di avere figli, intimamente legato all’amore per quella persona determinata, o che sia la conseguenza di un desiderio di fecondazione senza il quale il sentimento d’amore che precede l’unione sarebbe impossibile. Anche questa nascita non è forse sempre la causa, ma è sempre il risultato della scarica, perché il pensiero del bambino che nascerà forse dall’unione o, per meglio dire, il pensiero della fecondazione di quella donna speciale o della fecondazione di questa donna da parte di un uomo speciale, non ha preceduto se non molto raramente il desiderio di abbracciarsi. Solo più tardi, quando, dopo il matrimonio, la tensione degli organi ha raggiunto il suo più alto grado e quando si è verificato lo scarico, il pensiero del bambino che ne può nascere si risveglia in uno dei coniugi o in entrambi.

Di solito un uomo e una donna non si innamorano uno dell’altra a causa del loro desiderio di dare la vita ad un bambino. È vero che un bambino nasce come conseguenza di un amore reciproco, ma solo perché la Detumescenztrieb e Contrectationstrieb si aggiungono al fattore psicologico. Se lo scopo naturale prefissato dell’unione sessuale di due persone fosse la fecondazione; se un coito non potesse avere luogo senza che ne seguisse la fecondazione e se l’impulso a fecondare fosse un istinto primordiale, allora l’omosessuale sarebbe diverso dall’eterosessuale rispetto alla vita sessuale. Ma ora che la correttezza di questo punto di partenza non è dimostrata, sono uguali sotto questo profilo. Perché tutti e due cedono alla Determescenztrieb e alla Contrectationstrieb riunite e né l’uno né l’altro pensano ad un futuro bambino durante l’atto. Nella maggior parte dei casi non ci pensano nemmeno dopo. Solo l’eterosessuale si accorge qualche tempo dopo l’atto che questo atto ha o avrà un seguito. Con pochissime eccezioni, non c’è mai stato un coito eterosessuale allo scopo speciale di fare un figlio. Per esprimere un giudizio sulla vita sessuale di una persona, non dobbiamo tener conto se non della sua frequenza e della sua causa, mai della sua natura. Che essa sia eterosessuale o omosessuale, la manifestazione deve essere giudicata, in entrambi i casi, nello stesso modo e sulla base degli stessi parametri. Come ho detto prima, l’eterosessuale non sarà mai giudicato solo dalla sua vita sessuale. Ci si baserà su considerazioni diverse da quelle relative alla vita sessuale per formarsi un’opinione su di lui. Di solito non se ne parla ma si faranno valere le sue qualità e i suoi difetti. Tuttavia, per quanto riguarda questi, l’uranista è perfettamente uguale all’eterosessuale. Entrambi possono essere buoni o cattivi, persone posate o libertini, sensuali o casti; in breve, non c’è nessuna qualità morale di cui uno di loro abbia il monopolio, nemmeno la pederastia e l’effeminatezza, erroneamente attribuite principalmente agli uranisti. Incontriamo la pederastia altrettanto bene nell’uranista come nell’eterosessuale. La pederastia in realtà è un sintomo di depravazione o disturbo mentale.

Né l’uranista normale né l’eterosessuale normale si danno alla pederastia o manifestano il loro desiderio sessuale in questo modo. Solo l’uranista depravato è o può essere pederasta, esattamente come l’eterosessuale depravato può essere infatuato da questo vizio. È un errore credere che qualcuno sia necessariamente pederasta perché è uranista; in altre parole, è un errore credere che l’uranismo sia inevitabilmente accompagnato dalla pederastia. Per quanto riguarda l’effeminatezza è lo stesso: l’uranista normale non mostra un’inclinazione all’effeminatezza più dell’eterosessuale normale. L’effeminatezza è un’aberrazione che non appartiene esclusivamente all’uranista. La si incontra anche nell’eterosessuale. Del resto, tutte le aberrazioni sessuali dell’uranista si trovano tra gli eterosessuali. La seduzione e l’abuso di ragazze minorenni da parte di eterosessuali corrisponde esattamente alla seduzione e depravazione di ragazzi (Knabenliebe: l’amore di un uomo per gli impuberi) da parte dell’uranista.

Nell’uranista superiore come nell’eterosessuale superiore, questa dipendenza morbosa si riscontra molto raramente. L’ideale dell’uranista superiore è raggiungere una somiglianza che non si incontra mai in una relazione eterosessuale, poiché è impossibile trasformare la donna in modo che diventi simile all’uomo. Non abbiamo il diritto di chiamare un uranista superiore impudico o immorale, per il fatto che la sua manifestazione sessuale non può creare un bambino. La manifestazione sessuale in sé non è sinonimo di impudicizia. L’idea che l’uranismo sia sempre legato alla sensualità, ragione sufficiente per considerare l’uranista inferiore all’eterosessuale, è sbagliata, preconcetta e infondata.

Se giudicheremo onestamente e imparzialmente in base a tutte le manifestazioni intellettuali, emotive e sessuali, non solo dalle manifestazioni sessuali, saremo costretti a riconoscere che ci sono omosessuali, così come ci sono eterosessuali, degni del nostro rispetto e della nostra stima. Ci renderemo conto che ci sono eterosessuali sensuali e depravati esattamente come ci sono omosessuali sensuali e depravati; che come ci sono nevrotici eterosessuali, afflitti da aberrazioni della vita sessuale, possiamo vedere tali aberrazioni anche negli uranisti malati o neuropatici. E saremo costretti ad ammettere che né l’inclinazione uranista né la sua manifestazione sessuale sono prove di depravazione o di malattia. L’una cosa e l’altra dimostrano soltanto che l’uranismo è semplicemente una varietà.

Gli esempi a sostegno di questa tesi non mancano. Non si potrà dire né di MICHELANGELO, né di FEDERICO IL GRANDE, né di WALT WHITMAN, né del gran CONDÉ, né di MOLIÈRE né del principe EUGENIO, né del conte VON PLATEN, né di WINCKELMAN né di GRILLPARZER, che fossero nevrotici, depravati o effeminati. Per quanto riguarda la sessualità, l’umanità è stata divisa, fino ai nostri giorni, in due campi rigorosamente distinti: omosessuali e eterosessuali. RAFFALOVICH fu il primo a dimostrare che una separazione così rigida non è sostenibile. Egli ci ha dimostrato che in ciascun individuo si ritrovano entrambe le sessualità, a volte in proporzioni uguali, a volte ineguali. Una di queste due sessualità può anche presentarsi con un carattere così poco pronunciato da essere quasi impercettibile. Dobbiamo fare un’eccezione solo per le persone che si trovano alle due estremità della linea che congiunge i due estremi, cioè, per quelli che sono puramente eterosessuali e per quelli che sono puramente omosessuali. Tra questi due estremi c’è spazio per tutte le varietà.

Ora, il fatto che (sia inconsciamente in gioventù, o successivamente, in modo consapevole dopo che è passato il periodo di indifferenza sessuale) quasi tutte le persone si collocano tra le due estremità della linea che collega gli eterosessuali agli omosessuali, e il fatto che queste persone possono provare, provano o hanno provato attrazione per le persone del loro stesso sesso accanto all’attrazione per le persone dell’altro, dimostra chiaramente che non esiste alcuna differenza essenziale tra le due esperienze, ma solo una graduale differenza tra le due specie (eterosessuali e omosessuali). Come dice RAFFALOVICH: “non c’è una linea di demarcazione tra omosessuali ed eterosessuali.” Tanto poco l’eterosessuale si sente infelice a causa delle sue inclinazioni eterosessuali, quanto poco l’omosessuale è reso infelice dal suo uranismo.

La letteratura sugli uranisti e le loro autobiografie ci fanno vedere che gli uranisti superiori non si sono mai sentiti infelici per il solo fatto di avere tendenze omosessuali. Sono solo il giudizio umano e l’opinione pubblica che rendono l’uranista infelice, che gli fanno sopportare la vita come un fardello, che lo cacciano dalla società e creano in lui la sensazione di essere un reietto. È già una follia chiedere ad un uranista la castità a qualsiasi prezzo, cosa che non si chiede invece all’eterosessuale, e che metterebbe quest’ultimo nel ridicolo. D’altra parte, l’opinione corrente su ciò che è pudico o no è così arbitraria nella sua origine e nella sua applicazione che ci si dovrebbe stupire che sia servita per così tanto tempo a condannare tante persone.

Consideriamo per il momento solo gli eterosessuali. Mi si concederà che si fa dipendere il giudizio sulla natura delle loro manifestazioni sessuali, delle istituzioni sociali, da ordinanze e convenzioni tutte diverse tra loro a seconda del tempo, dell’ambiente sociale e dei costumi del paese. La manifestazione sessuale in quanto tale non è impudica; la vita sessuale non è un motivo di condanna. Solo la causa e la conseguenza di questa vita sessuale possono motivare un giudizio sul pudore dell’individuo. Ciò che rende questo giudizio favorevole o sfavorevole non è il fatto che qualcuno ha ceduto a una tendenza eterosessuale matrimoniale o extramatrimoniale, ma il motivo che lo ha portato a cedere ad essa; non la questione se diamo o no la vita a dei bambini, ma le circostanze in cui questi bambini, una volta nati, dovranno vivere; in altre parole: la questione se l’unione renderà o meno infelice uno dei coniugi. Possiamo applicare tutto questo ragionamento alle manifestazione sessuali degli uranisti. Come abbiamo potuto vedere, la loro unione, la loro coabitazione può essere di origine diversa. Essa può venire da una concezione molto elevata come da una molto vile dell’accoppiamento. Anche in questo caso, il fatto che da questa relazione uranista sia esclusa la nascita di un bambino non può mai essere la base per una condanna. Un confronto tra le unioni sterili perché uraniste e quelle che lo sono benché eterosessuali, non farà pendere la bilancia dal lato degli eterosessuali.

E per quanto riguarda la depravazione che accompagna così spesso l’uranismo, essa non può ragionevolmente essere il motivo per considerare l’uranista inferiore all’eterosessuale. Tutti coloro che approfondiscono un po’ la questione della prostituzione e quella della vita sessuale degli eterosessuali acquisiscono la convinzione che l’influenza corruttrice esercitata sulla società dagli eterosessuali è più forte di quella esercitata dagli omosessuali. Perché l’omosessuale che seduce – supponiamo che la parola “sedurre”, che viene utilizzata generalmente sia in questo caso la parola adatta – un eterosessuale o un omosessuale, non colpisce che una sola persona. Un eterosessuale che seduce e rende madre una donna è da biasimare molto di più, in considerazione delle nostre istituzioni sociali: la sua azione non solo mette in difficoltà moralmente la donna, ma anche il bambino che lei partorirà.

Come ha ben detto Raffalovich “Tra omosessuale infame e eterosessuale immorale, sembra che ci sia una grande distanza, ma si toccano molto da vicino!” Dal momento in cui si discuterà più apertamente di quanto non sia stato fatto finora la questione dell’uranismo; dal momento in cui si capirà che esso sgorga, così come l’eterosessualità, dalla stessa sorgente: la sessualità, dal momento in cui si riconoscerà che l’uranismo ha il diritto di esistere tanto quanto l’eterosessualità, dal momento che è, come quella, una manifestazione sessuale – da quel momento gli uranisti potranno essere utili alla società come gli eterosessuali superiori o ordinari, non depravati e morali. Perché un rapporto ideale come PLATONE lo voleva, come WALT WHITMAN lo ha descritto, come GUSTAV VON PLATEN lo sentiva, non può che essere utile alla società, non può che esercitare una benefica influenza su tutti coloro che frequentano degli uomini di così alta intelligenza.

—–oooOooo—–

Il Sig. GROCQ risponde al Sig. Aletrino: Lo scopo della relazione del Sig. Aletrino è senza dubbio di riabilitare l’omosessuale e di difendere l’uranista contro l’opinione pubblica. Il relatore inizia sviluppando l’idea, già difesa da Baffalovich, che l’uranista sia pienamente uguale all’eterosessuale, che ci sono degli uranisti normali, che tra loro ce ne sono alcuni casti, alcuni temperanti, alcuni viziosi e alcuni dissoluti, come ci sono eterosessuali casti, temperanti, viziosi e dissoluti. Gli argomenti di “natura e contro natura” non hanno alcun valore per Aletrino: “È irrilevante, ha detto, dal punto di vista della morale, che qualcuno si scarichi su un individuo dello stesso sesso o su un individuo di sesso opposto.” “L’influenza corruttrice sulla società esercitata dagli eterosessuali è più forte di quella esercitata dagli omosessuali. Perché l’omosessuale che seduce – supponiamo che il termine “sedurre”, che viene usato in genere, sia la parola adatta – un eterosessuale o un omosessuale, colpisce una sola persona. Un eterosessuale che seduce una donna e la fa la madre è molto più da biasimare, in considerazione delle nostre istituzioni sociali: l’atto non solo mette in difficoltà la donna dal punto di vista morale, ma anche il bambino che partorirà.” Su questa base, il relatore arriva a dichiarare che gli uranisti sono utili per la società e che hanno il diritto di esistere tanto quanto gli eterosessuali.

Leggendo questa relazione, del resto abilmente presentata, ci si chiede perché l’autore non si spinga alle deduzioni finali e perché non concluda che l’uranista è superiore all’eterosessuale, e che ci sarebbe modo in futuro di incoraggiare l’inversione sessuale attraverso misure legali. Se questa conclusione non è espressa nella relazione, essa ci si trova comunque in modo virtuale, perché dato che gli uranisti possono essere utili alla società, che le loro pratiche sono di minore portata rispetto a quelle degli eterosessuali, necessariamente è opportuno proteggerli e promuovere il loro sviluppo.

Ammetto che ero stupito leggendo il lavoro del Sig. Aletrino; ma ne ero anche spaventato perché mi chiedevo dove si potrebbe arrivare se uomini notevoli come il nostro collega prendono le difese degli invertiti sessuali; ho provato a immaginare le conseguenze disastrose per la moralità pubblica che la diffusione di queste idee potrebbe avere. Sappiamo tutti come, nella scienza, sulla base di dati discutibili, si possa arrivare a provare le cose più assurde e più contrarie alla sana ragione; partendo da false premesse, un uomo erudito e di talento può arrivare, se lo vuole, a fare ammettere da parte del suo uditorio le idee più inammissibili. Lui stesso, a volte, si lascerà trasportare dall’apparenza dei suoi discorsi e arriverà a farsi una convinzione assolutamente falsa. Penso che se il signor Aletrino è arrivato a sviluppare per noi le idee contenute nella sua relazione, questo è accaduto perché si è fatto penetrare dal lavoro, molto discutibile, di Raffalovich, e si è inavvertitamente fatto suggestionare da questo lavoro e, seguendo la sua idea fissa ed essendo in un vero stato di mono-ideazione, ha accumulato i documenti più diversi per arrivare a concretizzare il pensiero del suo suggestionatore.

E se, in questa assemblea, non ci alziamo tutti in massa per combattere le teorie del relatore è per il fatto che molti di noi sono stati sedotti dalle sue deduzioni molto ardite e, anche se ritengono che le sue conclusioni siano assolutamente contrarie alla ragione e alla morale, esitano a parlare contro affermazioni che sembrano supportate da fatti ben osservati. Fortunatamente questi fatti sono tutt’altro che irrefutabili.

Nego categoricamente che ci possa essere un uranista normale. L’uranista è sempre anormale; sia casto, temperante, vizioso o dissoluto, l’omosessuale è sempre un degenerato. Ma prima di andare avanti, è necessario definire cosa si debba intendere per uranista, ed è questo, forse, il punto di partenza delle discussioni in corso. Il Sig. Aletrino dipinge così l’uranista: l’uomo in cui è presente questa particolarità che il suo stesso sesso è più attraente per lui del sesso opposto. Questa è una definizione molto elastica. Abbiamo tutti sentito nella nostra vita una simpatia più o meno grande, un’attrazione cerebrale più o meno marcata per alcuni uomini. Molti di noi si trovano più a loro agio in compagnia di uomini che in compagnia di donne, e per motivi facili da capire. Siamo per questo uranisti? Assolutamente no, tra l’attrazione omosessuale dell’uomo normale e l’attrazione omosessuale dell’uranista c’è la stessa differenza che c’è tra la condivisione delle idee, l’amicizia, anche l’affetto, e il desiderio, la differenza che c’è tra l’amore fraterno e l’amore coniugale. Potremmo chiamare il primo amore cerebrale e il secondo amore sessuale. Questa differenza è ben nota a tutti noi, tutti l’abbiamo sperimentata; e ci è anche successo qualche volta di sentire l’amore sessuale trasformarsi in amore cerebrale e di costatare che una donna che una volta ci ispirava attrazione e desiderio, dopo un po’ di tempo, ci suscitava solo un’attrazione motivata da un affetto profondo, senza desiderio.

Uno dei miei colleghi, parlando con me su questo problema, una quindicina di anni fa, mi diceva: “C’è l’amore del di sopra e l’amore del di sotto.” Questa definizione, anche se un po’ triviale, ciò non di meno è spesso esatta. L’uranismo ovviamente non può essere confuso con quello che abbiamo chiamato amore cerebrale; l’uranista è uno che prova un’attrazione sessuale, un amore sessuale per una persona del suo sesso. L’uranismo non esiste senza desiderio carnale, ma è complicato frequentemente dall’amore cerebrale, l’amore cerebrale è anche molto spesso il punto di partenza dell’uranismo. Ma l’uranismo nasce solo il giorno in cui compare il desiderio sessuale. Possono essere casti, temperanti o depravati, ma gli uranisti sentono dei desideri carnali che possono portare anche solo al toccarsi o al baciarsi, ma possono anche dare luogo a pratiche più immorali.

Nel libro di Raffalovich si trovano descrizioni molto suggestive di queste diverse forme. Ora che abbiamo definito bene l’uranismo e che abbiamo evidenziato la sua natura sessuale, non esitiamo a ripetere che tutti gli uranisti sono anormali. Per distruggere questa affermazione, non basta avanzare argomenti teorici e impegnarsi in un ragionamento più o meno seducente. Bisogna fornire prove, raccogliere con pazienza gli antecedenti ereditari e personali e sottoporre queste informazioni a critiche rigorose. Certo non troveremo sempre una chiara tara ereditaria, ma cercando con attenzione, arriveremo comunque sempre a convincerci dell’anomalia degli uranisti. Sono spesso mistici, pudichi all’eccesso, in presenza di persone del loro sesso, bugiardi, vanitosi; spesso le loro funzioni genitali sono anormali, l’orgasmo è causato dal contatto, dalla vista, anche dall’odore di quelli che amano; quasi sempre, sono emotivi all’eccesso, bizzarri, originali; in breve, un attento esame della loro evoluzione personale denota l’anomalia psichica.

Non possiamo necessariamente riportare qui le osservazioni per dimostrare che essi appartengono alla categoria degli anormali, ci limiteremo a dire che tutti quelli che noi abbiamo osservato ne facevano parte. Questa opinione, del resto, è condivisa dagli osservatori più autorevoli. Tuttavia, il relatore non tiene conto di questi fatti e preferisce basarsi sul suo ragionamento per dimostrare il contrario. Se avesse esaminato molti uranisti invece di farsi portare dalla sua immaginazione, noi crediamo che sarebbe giunto a conclusioni molto diverse. Tuttavia, anche se abbiamo il diritto di pretendere una serie di osservazioni che dimostrano che gli uranisti sono normali, ci accingiamo a passare rapidamente in rassegna gli argomenti effettivamente addotti per dimostrare la normalità dell’omosessualità.

Il relatore ritiene che una morale sessuale prefissata comporti la falsa affermazione che ogni individuo nasce con una particolare predilezione per l’altro sesso. Per dimostrare la falsità di questa affermazione, si riferisce a un presunto periodo di indifferenza sessuale nell’individuo normale che è arrivato ad un’età tra i dodici e i quindici anni. Secondo lui, a questa età, il giovane non sarebbe attratto né dall’uno né dall’altro sesso; noi attraverseremmo tutti, dunque, un periodo di semi-omosessualità.

C’è in questo argomento, come in tutti quelli invocati dal Sig. Aletrino, qualche verità. È ovvio che il bambino, in cui i desideri sessuali sono pari a zero, non ha preferenza per un determinato sesso; ma arrivato alla pubertà, quando i sensi si risvegliano, si sente innegabilmente attratto dal sesso opposto. Questa è la regola generale che, purtroppo, è osteggiata da molte circostanze ambientali. L’individuo provando già quella che Moll chiama Detumescenztrieb, cioè il desiderio di scaricarsi causato dallo stato di tensione degli organi, e non trovando la possibilità di eseguire l’atto in quantità fisiologica, si dà, da se stesso o su consiglio dei suoi compagni, alla masturbazione; quindi, se è in contatto con giovani viziosi e sempre perché non può avere rapporti sessuali eterosessuali, si impegna in manovre omosessuali. Ma non è per il suo gusto che sceglie individui dello stesso sesso, è solo per necessità; se avesse avuto a sua disposizione una donna, non avrebbe esitato un attimo ad abbandonare le sue pratiche contro natura. E così, ogni volta che ne avrà la possibilità, abbandonerà le sue abitudini viziose e adotterà definitivamente gli approcci eterosessuali.

Ci saranno certamente, tra i giovani, dei soggetti continueranno a preferire i rapporti omosessuali, ma essi saranno anormali. Un altro argomento sostenuto dal relatore è che gli eterosessuali stringono delle relazioni omosessuali quando manca loro l’occasione di manifestazioni eterosessuali, per esempio durante i lunghi viaggi in mare, nelle carceri o nelle colonie penali. Qui ci troviamo nuovamente nelle condizioni indicate sopra; l’impossibilità di soddisfare la Detumescenztrieb in condizioni normali spinge l’individuo a ricorrere a pratiche contro natura. Ma, appena il giovane di cui parlavamo in precedenza avrà la possibilità di essere in contatto con persone dell’altro sesso, il marinaio, il prigioniero, etc., abbandonerà subito le sue abitudini viziose per fare ricorso agli approcci naturali; anche in questo caso, ci saranno degli individui che continueranno a preferire dei rapporti omosessuali; ma ancora una volta quelli saranno degli anormali.

Per difendere l’uranismo si è anche citato il fatto che l’omosessualità esiste tra gli animali; questo fatto, lungi dal confermare la normalità dell’omosessualità, è a sostegno di ciò che abbiamo appena detto, dato che concerne le tendenze particolari degli individui della medesima razza isolati da ogni contatto con il sesso opposto. Negli animali, infatti, le pratiche contro natura sorgono quando sono isolati, quando sono nell’assoluta impossibilità di soddisfare la Detumescenztrieb. H. Sainte-Claire Deville(3) ha sottolineato questo fatto e ha dimostrato, tra l’altro, che degli arieti separati dalle pecore si danno a queste pratiche contro natura e che questi animali tornano alle loro normali abitudini quando ritornano alla vita comune. Huber(4) ha osservato lo stesso fatto nelle formiche maschio che, in mancanza di femmine, violano le operaie.

Analogamente gli accoppiamenti di animali di razze diverse si possono ottenere solo a costo di un isolamento prolungato. Come ha fatto notare Féré, la masturbazione esiste in molti animali (scimmie, pecore, cani, cavalli, cammelli, elefanti), ma qui, ancora una volta, le pratiche anormali sono determinate da condizioni particolari, come l’assenza di un animale di sesso diverso o la perdita dei caratteri sessuali in un animale vecchio o mutilato: “L’anomalia sessuale, dice Féré(5) scompare quando vengono ripristinate le condizioni normali. In realtà l’esistenza dell’inversione sessuale come la intendiamo nell’uomo, l’amore omosessuale congenito non è affatto dimostrato negli animali.” L’omosessualità è quindi, negli animali e nell’uomo, un’anomalia, una tendenza contro natura.

E aggiungo anche che se esistesse come depravazione negli animali, non sarebbe questo un motivo per cui l’uomo, colto e moralizzato, dovrebbe dedicarcisi. Per il fatto che gli animali, privi di qualsiasi morale, si danno alle loro passioni e soddisfano i loro bisogni in pubblico, possiamo noi ritenerci autorizzati a considerare questi atti come naturali per noi?

Per dimostrare che l’omosessualità non è un’anomalia e che gli uranisti possono non essere degenerati, il relatore cita un fatto, al quale egli attribuisce grande importanza, e cioè che alcuni uomini eminenti, e anche alcuni geni, hanno avuto tendenze omosessuali. Ecco un argomento che apparirà molto debole a tutti coloro che si sono occupati di degenerazione, perché tutti sanno quanto il genio confini con la degenerazione e quanti uomini straordinari hanno mostrato segni, ereditari e personali, di degenerazione inequivocabile. Dal fatto che Napoleone aveva l’epilessia, per esempio, possiamo forse concludere che l’epilessia non è una condizione patologica, o un segno di degenerazione? Cosa è rimasto degli argomenti addotti dal Signor Aletrino per dimostrare che l’omosessualità è normale e che l’espressione “contro natura” è priva di senso? Assolutamente nulla, se non delle frasi abilmente rigirate, seducenti per la loro logica apparente, che potrebbero suscitare un dubbio nella mente del volgo, ma non susciteranno alcun dubbio in questa dotta assemblea. L’omosessualità è chiaramente un’anomalia, un fatto contro natura, che offende i nostri sentimenti più nobili, che è in contrasto con le nostre aspirazioni innate, con la moralità più elementare e che deve essere oggetto della nostra disapprovazione e anche del nostro disgusto.

Il Dott. Etienne MARTIN protesta contro le ultime parole che il Dott. Grocq ha appena pronunciato. Non è ammissibile che dei medici considerino l’omosessualità un oggetto di repulsione e di disgusto. L’individuo nasce con la sua inclinazione omosessuale e, fin dall’infanzia, un’osservazione attenta permette di rendersi conto delle tendenze istintive che presenterà più tardi.

Negli archivi di antropologia criminale, abbiamo fatto una vasta indagine sull’uranista, indagine che ha portato alla pubblicazione del libro di Raffalovich di cui tanto si è parlato. Abbiamo avuto confessioni in gran numero, ricevute da giornalisti e da medici. Abbiamo potuto convincerci del numero abbastanza grande di questi anormali. Essi sono alla ricerca di consigli, di sostegno da parte del medico, in cui hanno riposto la loro fiducia, quando al momento della pubertà si esprime la crisi sessuale. Sono sorpresi di non avere gli stessi gusti di quelli che li circondano e vengono a chiederci il motivo di questa anomalia. Ne deriva, in alcuni di loro, ansia, malinconia, poi essi superano il loro disagio mentale e danno libero sfogo ai loro istinti o li tengono a freno.

Un uranista casto non è un pericolo sociale. Diventa un pericolo per la società solo quando è pervertito e cerca di pervertire quelli che lo circondano. Dobbiamo insistere molto su questa distinzione, che non è ancora chiara in tutte le menti: un invertito non è un pervertito. L’invertito omosessuale non deve essere oggetto di riprovazione sociale che quando diventa pervertito. È impossibile imputare a lui il difetto innato da cui è colpito e di cui soffre spesso fino al punto di attirare su di sé l’interesse e la benevolenza di coloro che sono i suoi confidenti.

RAFFALOVICH ha evidenziato un punto sul quale vorrei richiamare l’attenzione. Uno dei migliori capitoli del suo libro si occupa dell’educazione degli invertiti. Da parte mia, conosco le notevoli difficoltà che può avere un invertito che abbia raggiunto la virilità, nel modificare l’energia della sua inclinazione istintiva, ma mi sembra che diagnosticando l’omosessualità fin dall’infanzia, si possa arrivare a modificare, in una certa misura, le tendenze del bambino e a sviluppare in lui dei gusti eterosessuali.

Enrico Ferri fa un parallelo tra l’invertito e il criminale nato. Vengono al mondo sia l’uno che l’altro con delle disposizioni anatomiche che determineranno in modo definitivo la loro condotta nella società. Egli crede poco nell’influenza modificatrice dell’educazione sugli invertiti.

Il Sig. professore BENEDIKT: Recentemente ho pubblicato le mie idee sull’uranismo e sulle sue relazioni con la criminologia e ho insistito perché questa perversità sessuale sia perseguita energicamente. Eppure la differenza tra le mie idee e quelle presentate dal Dott. Aletrino nella sua relazione al Congresso, almeno in teoria, non è così grande come sembra in un primo momento.

Prima di tutto, condivido la sua opinione che l’uranismo congenito non è un fenomeno patologico che si possa annoverare tra i fenomeni di degenerazione. L’uranismo è un altro modo di essere, un fenomeno di atipia, un’“agénération”, nel senso che ho dato a questa parola. Almeno in teoria, non possiamo negare che un uranista può essere in tutte le sue altre qualità un uomo normale e anche un uomo al di sopra di mediocrità intellettuale, un uomo morale e pieno di attività (Juristische Briefe V: Sexuelle Perversitaat und Strafrecht. Allgem. Oesterr. Gerichtszeitung, 1901, n. 28). Dobbiamo avere di lui la massima compassione, perché egli è condannato dalla crudeltà della natura a vivere in una società che ha delle condizioni ben diverse dalla sua per il godimento della vita. Ma in ogni caso, è un individuo “mperfetto” perché potersi moltiplicare è una qualità innata in ogni creatura vivente perfetta e anche in ciascun elemento degli esseri viventi – le cellule -.

È vero che noi non abbiamo nessun diritto di rifiutare ad un uranista la stima che merita per i suoi meriti intellettuali, estetici e morali, fino a quando egli non pecca contro le nostre leggi sociali. Non avremmo neanche in questo caso la possibilità di esprimergli il nostro disprezzo, dato che la sofferenza dell’uranista astinente ci è sconosciuta, con l’eccezione forse di qualche esperto.

L’uranista astinente avrà nella sua condotta delle particolarità di comportamento sociale. Sarà misogino, non avrà la felicità degli uomini normali, si isolerà. Ma tutte queste caratteristiche si ritrovano anche nel debole sessuale, nell’onanista e in altri uomini, e la folla non indovinerà nulla e lo prenderà per un uomo eccessivamente serio.

L’esperto starà in silenzio, perché altrimenti, potrebbe essere condannato per calunnia, dato che non avrà le prove legali della sua affermazione. Il naturalista esperto dedurrà le sue convinzioni di altri segni. L’uranista vero, congenito, è in genere stigmatizzato; questo significa che ha dei segni di evoluzione corporea, che è diverso dagli altri uomini, egli mostra dei segni del suo diverso modo di essere.

Lo psicologo che conosce la vita e non l’uomo soltanto attraverso i libri e attraverso le sue idee speculative, sa a priori che la vita di un uranista è ben diversa da quella di un uomo normale, pari all’uranista in tutte le altre qualità, tranne la sessualità. Questo psicologo sa bene che la natura ha legato con innumerevoli catene tutta la vita fisica e cerebrale del singolo con la vita riproduttiva e potrà ogni tempo della vita trarre delle conclusioni, dalla totalità della vita, sulla vita sessuale di un individuo e vice versa. Il cambiamento radicale delle qualità sessuali di un uranista ha un’influenza attiva e passiva troppo profonda su tutta la sua condotta per poter sfuggire ad un esperto.

L’esperto non ha il diritto di esprimere il suo sospetto se non in casi molto rari, per esempio, se una famiglia forza uno di questi disgraziati a sposarsi e se lui non ha il coraggio di confessare la sua condizione.

Ora dobbiamo confutare i sofismi a favore dell’omosessualità, derivanti dalle simpatie omosessuali. Se un Pinturicchio è entusiasta di un giovane uomo di cui riconosce le grande superiorità e immortala questo entusiasmo per il giovane Raffaello in uno degli affreschi del duomo di Siena, non c’entra nulla l’omosessualità. La stessa relazione naturale può esistere ad esempio tra uno studente e il suo maestro, tra un soldato e il suo generale, tra un servitore e il suo padrone, che egli adora. Tali rapporti non devono essere identificati o giustificati con l’omosessualità. La simpatia fino al grado dell’amore tra uomini e uomini, tra donne e donne, tra uomini e donne, può avere e di fatto ha fonti diverse dall’istinto riproduttivo. Ci sono degli amori “platonici”, che non hanno solamente lo scopo di nascondere sotto frasi spiritualiste le schifezze di Socrate.

Ci sono altri sofismi in favore dell’uranismo derivanti dalla fisiologia per così dire fisica dell’amore sessuale. Non è il caso qui di entrare molto nei dettagli. Ma devo sviluppare alcune leggi biomeccaniche che bisogna conoscere per ragionare correttamente. La legge fondamentale costruttiva biologica dice: La natura raggiunge il suo fine con una spesa minima di energia e materia e con la materia più idonea.

Questo assioma sembra essere contraddetto dall’esperienza, dal momento che vediamo che si può vivere, se parte di un organo è distrutta. Ma questa opposizione all’assioma è illusoria. La costruzione sul principio apparente di abbondanza esiste perché gli esseri viventi sono creati per una certa durata di vita e per questo ogni organo funziona in ogni momento solo con una parte delle sue energie e del suo materiale.

Per nessuno scopo biomeccanico la natura è così abbondante come per la fecondazione. Essa dispensa eccitazioni materiali e occasioni in un grado esorbitante, e soprattutto nel genere homo. La natura ci incoraggia a sentire almeno momentaneamente, come un godimento quello che è, in realtà, una costrizione più volte crudele e triste. Ma lo scienziato logico non dovrebbe paragonare gli sforzi infruttuosi agli sforzi sterili a priori.

L’uranista comincia a preoccupare la società dal momento in cui cessa di essere astinente. La società potrebbe essere tollerante se l’uranista trovasse facilmente esseri ugualmente imperfetti come lui. Ma essa deve proteggere i suoi membri, che sono creati dalla natura come esseri perfetti, impedendo loro di essere guastati e anche rovinati.

Gli autori che dubitano del pericolo che deriva alla società dagli uranisti non conoscono la legge fondamentale della biomeccanica, che dice che ogni organizzazione e ogni organo, fino alla cellula, segue la legge della moltiplicazione a volte enorme, purché l’ambiente fornisca gli elementi chimici semplici per la crescita e la moltiplicazione. Questa legge val bene anche per la vita psicologica. Una volta che un uomo preistorico ha riconosciuto che una pietra a forma di cuneo è più adatta a rompere, l’idea e l’uso dell’ascia è entrato nel cervello di miliardi di persone. E da quello è derivata una guerra implacabile contro gli infelici che la natura ha condannato ad una sfortunata fatalità.

Signori, meditate bene e siate coraggiosi nell’arrivare alle conseguenze finali della fatalità riconosciuta. Non cercare di “salvare” gli imperfetti e i degenerati a spese della società e agite cum studio, sed sine odio. La mania di “salvare” di alcuni tra noi è il più grande ostacolo al successo della nostra scuola. Credo che il Congresso di Amsterdam avrebbe un grande successo se dalle sue discussioni derivasse il perseguimento penale dell’uranismo attivo. L’uranismo congenito è troppo raro per essere intrinsecamente pericoloso e, se fosse applicata la legge, l’uranismo non sarebbe più una cosa frequente. La legge deve colpire nello stesso modo gli uomini delle classi superiori, e gli uomini eminenti in altri sensi. Se dobbiamo trovare giusto che un giudice corruttibile come l’autore del Novum Organum sia punito, non dobbiamo giustificare uno sporcaccione uranista, fosse anche un grande filosofo.

In conclusione, credo opportuno precisare qui che è pericoloso e scorretto discutere, sotto forma di pubblicazioni accessibili a tutti, i problemi relativi alle perversioni sessuali. Queste pubblicazioni hanno contribuito all’immoralità sessuale più di tutte le seduzioni dei viziosi e delle viziose. Se un famoso autore ha scelto il motto: “Honni soit qui mal y pense” dichiaro qui ad alta voce: Penso male e non mi sento affatto svergognato.

____________

1  CONGRÈS INTERNATIONAL D’ANTHROPOLOGIE CRIMILEE – COMPTE RENDU – DES TRAVAUX DE LA CINQUIÈME SESSION tenue à Amstardam du 9 au 14 Septembre 1901 – Publié par les soins de M. le Professeur J. K. A. Wertheim Salomonson, Secrétaire général du Congrès. – Imprimerie de J. H. De Bussy – Amsterdam. Online in:

http://data.decalog.net/enap1/Liens/fonds/T7C48.pdf

2  Parlando qui di Uranisti, considero prima di tutto gli uomini che, come uomini, si sentono attratti da altri uomini, senza chiedermi se questi ultimi si sentono più, altrettanto o un po’ meno virili di quelli. Pertanto scarto tutti gli effeminati, sia gli effeminati propriamente detti come quelli che lo sono diventati per perversione, per l’influenza dell’esempio o per depravazione.

3 SAÏNTE-CLAIRE DEVILLE: L’internato nell’educazione, Rivista dei corsi scientifici, 1872, 2a ed. t. I, p. 219.

4 HUBER citato da FÉRÉ: L’istinto sessuale, l’evoluzione e dissoluzione. Paris, 1899, p. 75.

5 FÉRÉ: op. cit., p. 76.

 ________

Se volete, potete partecipare alla discussione di questo post aperta sul Forum di Progetto Gay: http://progettogayforum.altervista.org/viewtopic.php?f=16&t=5012

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...