ESSERE GAY E RICOMINCIARE

Ciao Project,
ti ricordi di me? Penso di sì, sono Mat, abbiamo parlato a lungo giovedì notte, non l’ultimo giovedì, era il 16 settembre. Avrai pensato che ero fuori di testa perché non c’era nessun motivo perché me la prendesi con te in quel modo. Hai decisamente una calma unica, penso di avere passato di parecchio i confini dell’educazione ma non ti sei arrabbiato. In genere mi mandano a quel paese per molto meno ma tu non lo hai fatto. Ho reagito male perché mi sono sentito punto nel vivo, mi hai detto in pratica che sono un immaturo ed è vero, ma sentirmelo dire mi ha dato immensamente fastidio. Project, io ho fatto una marea di stupidaggini e lo riconosco ma io non ho mai avuto nessuno con cui confrontarmi. Con te sono stato maleducato e pure peggio ma adesso ho capito e ti chiedo scusa ed è una cosa che non faccio mai con nessuno. Mi sono messo in situazioni incredibili come un deficiente e me le sono andate a cercare, ma un ragazzo di 22 anni che può fare? Non si può mica fermare, il sesso è una cosa fondamentale, questo lo sai benissimo anche tu e allora me lo sono andato a cercare, da stupido, va bene, però la colpa non la dare tutta a me. Non è nemmeno giusto che un ragazzo come me ci debba rinunciare, va bene, avrei potuto evitare di andare a cercare nei posti sbagliati ma a me chi me lo ha mai detto che il sesso può anche essere una cosa legata all’amore? Io ancora adesso stento a crederci e non so se ci riuscirò mai. Per me il sesso è sempre stata una cosa diversa da quella che dici tu, una cosa da rubare o da prendersi con la forza o quasi, lo sai, te l’ho raccontato, quello che ho passato quando avevo 14 anni e non me lo scordo più, non voglio cercare giustificazioni, vorrei pure imparare a vedere le cose in un altro modo ma non è per niente facile e poi dove lo trovo io un ragazzo che mi possa volere bene? Gli altri dicono che è difficile per un motivo o per l’altro ma uno come me in un posto come quello dove vivo io non lo vuole nessuno. Io vivo in un posto piccolo dove tutti sanno gli affari tuoi e quello che è successo a me lo sanno tutti. Ti riporto qui un pezzo della conversazione del 16 settembre: “Fai presto tu a dire che devo allontanarmi da qui e andare a vivere in una grande città del nord, ma io dove posso andare? Come mi posso staccare da casa mia? Io non studio, io lavoro e non ho scelta e non solo, io lavoro qui al mio paese e lavoro nel negozio dei miei, io la possibilità di andare via di qua non ce l’ho e non ce l’avrò mai, me la poso sognare, ma per realizzarla ci vogliono possibilità concrete”. Project, nonostante tutto, anche se ero incavolato nero, parlare con te mi ha messo in moto il cervello e due cose te le devo dire (la più importante te la dico per ultima), sono andato a (omissis) e mi sono iscritto a scuola per finire gli studi, l’ho detto ai miei e l’hanno presa bene, però devo pure lavorare il pomeriggio perché serve proprio per casa. Sono andato a scuola dal 5 ottobre. Mi hanno trattato bene. La preside mi ha cercato una classe come si deve e ho ricominciato. Mi sento un po’ vecchio rispetto agli altri ma stringerò i denti. Non so dove andrò a finire e ho una paura matta del futuro. Seconda cosa, la più importante, ho fatto il test ed è negativo, il dottore del centro ha detto che, dati i tempi passati dall’ultimo rapporto, posso stare tranquillo ed è stato anche questo a farmi tornare a scuola. Project, ho pure capito che il 16 settembre ti ho proprio fatto venire l’angoscia, sul momento non lo avevo capito ma dopo ci ho ripensato. Se ti ho fatto stare malissimo allora queste due notizie te le devo dare almeno adesso. Sono stato un animale a non farti sapere subito del test e ti chiedo scusa vergognandomi di me stesso, però adesso ho cercato di rimediare all’errore. Project a cambiare proprio vita ci voglio provare con tutte le mie forze, ma tu che dici, ce la farò? Quando ti avevo mandato la prima mail, dopo avere inviato mi sentivo stupido a credere che una cosa del genere potesse avere un senso ma ho l’impressione che sia stata una delle poche cose intelligenti che ho fatto in vita mia. Quando ho cominciato a scrivere avrei voluto che questa mail rimanesse solo tra noi ma adesso penso esattamente il contrario. Pubblicala senz’altro (magari dopo avere rimesso un po’ a posto i verbi e i congiuntivi). Non ho proprio tempo per chiamarti in chat ma mi farò vivo per email appena posso.
Un abbraccio, Project, t.v.b.
Mat
___________

Che cosa bella Mat!!! Mi sento profondamente felice! Avevo passato effettivamente un pomeriggio di angoscia e poi non ti ho sentito per parecchi giorni e la sensazione di disagio aumentava perché pensavo che avresti fatto il test. Matt!!! Grazie!! Un abbraccio fortissimo!! T.v.b.
Project

__________

Se volete, potete partecipare alla discussione di questo post aperta sul Forum di Progetto Gay: http://progettogayforum.altervista.org/viewtopic.php?f=23&t=915&start=0

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...