RISPOSTA DI STEFANINO PER UNA RAGAZZA

Ricevo d Stefanino il file RISPOSTA PER “UNA RAGAZZA” con la richiesta di pubblicarlo. Do seguito alla richiesta non senza qualche riluttanza, ma anche questo è un contributo al dialogo.
___________________

RISPOSTA PER “UNA RAGAZZA”
come sempre, resto deliziato e alquanto sorpreso nel leggere opinioni così diverse e lontane anni luce dalle mie. comunque penso che tu abbia un idea errata delle coppie omosessuali, perchè tra le righe lasci intendere non solo che gli omosessuali si innamorano miliardi di volte, ma che tra l’altro sono costretti a farlo per una questione di attrazione fisica, quindi di puro sesso. mmh… forse come dice v87 hai le idee un po’ confuse a riguardo… bisognerebbe innanzitutto sfatare due miti:
come prima cosa, l’omosessualità non è sinonimo di poligamia. ci sono gay che si innamorano una volta sola, della persona giusta e lo fanno per tutta la vita. e d’altro canto ci sono gay che si innamorano piu volte, proprio come te e gli etero che ti stanno intorno, a differenza che noi non andiamo a rompere le palle a nessuno con matrimoni fasulli e divorzi lampo, proprio perchè il concetto di matrimonio non ci è possibile nemmeno sfiorarlo con l’attuale legislazione italiana.

seconda cosa: gli impulsi sessuali delle persone, etero o gay che siano, sono di ugual natura e potenza. ci sono moltissimi etero che si incontrano e si cercano solo per una scopata e via, come del resto ci sono anche tantissimi gay così. forse non ci credi, ma tantissime donne cercano di sfogarsi sessualmente con diversi partner, del quale non interessa nulla se non la dimensione del pene. quindi evitiamo di associale la parola etero con moralità, perchè voi per primi non siete esempio di perfetta morale sociale.

detto questo mi chiedo, esempio per chi? di certo non per noi gay, ma quanto meno per i bambini che vengono allevati e cresciuti in famiglie etero, con divorzi, padri assenti e menefreghisti e tutte le problematiche che infestano buona parte delle famiglie tradizionali, e che non voglio prendere in esame ora. quindi se ti chiedi come una bambina possa trovare una figura femminile nella famiglia gay, beh, come ha detto v87, di femmine al mondo ce ne sono miliardi! allora io giro la domanda, come può un bambino alle prese con l’esplorazione del proprio corpo chiedere ad una madre a cosa serve per esempio il frenulo? o cosa contengono i testicoli? vedi sono domande che potrebbe rispondere solo un uomo, secondo il tuo ragionamento. secondo me non è così. entrambi i genitori che siano uomini o donne, possono dare il loro prezioso aiuto nella crescita spirituale di un bambino, e non pensare che serva avere una vagina per capire a cosa serve e come funziona! altrimenti saremmo tutti ermafroditi, non credi? se poi mi parli di emozioni, sentimenti, ecc… allora è un altro conto… ma non credo che sia poi tanto difficile per un uomo aiutare una bambina nelle sue emozioni, tanto quanto non è difficile per una donna aiutare un bambino a comprendere il suo corpo.

detto questo, io dico una cosa non perchè penso che sia così, ma perchè SO che è cosi. non mi credi? vai a chiedere a tutti i bambini che vivono e crescono in coppie omosessuali in spagna o negli altri 20 paesi europei dove esistono le coppie di fatto gay, e ti renderai conto che non sono assolutamente svantaggiati o quantomeno complessati dalla mancanza di una delle due figure genitoriali.

come ultima cosa, io ho avuto genitori etero, ma quello che amo e che ho amato in loro non è stato il loro sesso, il loro essere uomo – donna, ma piuttosto la loro dedizione, le loro attenzioni, le loro cure premurose nei miei confronti. quindi se mi chiedi se fosse stato lo stesso con due genitori gay, ti ripeto che sì, se ci fosse stato amore, sarebbe stata la medesima cosa.

siamo nel terzo millennio, sarebbe il caso che tu e tanti altri come te, se ne rendessero conto una buona volta!

ah un ultima cosa sulla poesia. forse non lo sai, ma la poesia non si è fermata ai tempi di Giacomo Leopardi… non è necessario imprigionare parole e concetti dentro strofe ben definite all’interno di banali rime baciate… tutto ciò che suscita un sentimento, se correttamente espresso, si può scrivere in forma libera, che non ha nulla a che fare con la prosa, che è una forma di comunicazione di ben altra natura. comunque se ti piace la poesia in rima eccone una per te:

libera dalle catene questo sentimento
come un seme di rosa nel vento
impara con attenzione da questo commento
accendi l’amore, non lasciarlo spento

è solo una quartina, ma se vuoi te ne scrivo altre… uauhuhauh

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...