VECCHI GAY E DIALOGO

– Sì, la depressione… ma non è nemmeno quello… sai, certe volte è proprio la misantropia. Quanta gente c’è al mondo! Una folla infinita! Tu pensi che in questa folla infinita ci sarà qualcuno non dico come te ma almeno compatibile… e ci metti la vita intera per capire che non è così. Adesso tu ti sei messo in testa quest’altra cosa… di fare qualche cosa di buono con questa storia del blog… ma alla fine vedrai come ci resti! Quelli sono ragazzi e devono fare la vita loro, mah… ti ci vuoi mettere… fai quello che vuoi tu… Le cose che m’hai detto sono belle sì, ma quelli sono ragazzi e tu no! E mo’ che devo fare io qua, con quest’affare? No, no! Togli, togli! Non stiamo a fare pagliacciate… quando avranno l’età mia capiranno, mo’ lasciali giocare… che tu quando eri ragazzo che facevi? Ti credevi che il mondo era il tuo e che tutti stavano aspettando a te… e mo’ è il tempo loro. Ma non ci devi restare male… e mo’ che devo fare? … dai… va bene, va bene… lascia, se dobbiamo fare la pagliacciata… non mi guardare così… una pagliacciata è… tu la metti bene a livello di chiacchiere ma a me non mi convinci… pagliacciata era e pagliacciata resta… tu dici che mettersi in piazza serve a qualche cosa… e io mica ti voglio smentire che poi ci resti pure male… facciamo quello che dici tu… e basta… però io dei cavoli miei non ne parlo! … E’ inutile che fai quella faccia… te l’ho detto a te, così, e mo’ pure mi dispiace che te l’ho detto, che tu ti senti il paladino… bello mio, qua pane al pane e vino al vino… sei un poco ridicolo …dai! … E scusa eh… se sei ridicolo per me figurati per quelli che tengono vent’anni! … Che devo dire? … non ho capito… ah… tu dici le lettere… no… quelle non le leggo, quelle sono roba mia… niente, niente! Roba vecchia è di gente che manco ci sta più… mi stai facendo tanti segni ma proprio non capisco niente…
– Ma com’è adesso la tua vita?
– Com’è la mia vita adesso? E’ quella di un povero vecchio… e basta… Tu mi conosci a me, sono tanti anni che mi conosci… e che vita ho fatto … tiri a campare e basta… e mo’ che stai scrivendo? Passami gli occhiali, va’…. dunque: che cosa vorresti dire ai ragazzi gay di oggi? … Io niente… non c’ho proprio niente da dire e che ne so io dei ragazzi di oggi, ogni tanto me ne parli un poco tu… una volta ogni morte di papa quando ci vediamo… e poi non ne so proprio niente… che è qua? … La mia esperienza? … Quelli se la fanno a brodo l’esperienza mia, quelli tengono la vita loro.
– Mannaggia, a con te un dialogo è impossibile… sei proprio un vecchio bizzoso…
– Bravo! Mo’ l’hai detta giusta… ma che me ne frega a me dei ragazzi di oggi… a loro non gliene frega niente di me e a me non me ne frega niente di loro…
– Ma sono ragazzi gay…
– E allora?
– Che c’ho da spartire io con questi qua, loro non possono capire a me e io non posso capire a loro…
– Ma tu l’hai mai provata la felicità?
– Mah! … ma come te le esci con queste cose! Non mi fare ridere, va’, che mi fa pure male… e tu? Tu che ti pensi che hai trovato chissà che cosa… tu che felicità hai trovato eh?
– Quando sto coi ragazzi del blog mi sento felice…
– Ah … mi fa piacere… e che ti devo dire… se a te ti piace così… a me non mi basterebbe proprio… per me stare bene significa altre cose, che tu pure pure al limite ancora staresti in tempo e invece fa finta di essere felice… tu mo’ ti sei abituato a dirlo, e dillo una volta, e dillo due, poi finisce che ci credi e ti pare tutto vero… ma che vuoi prendere per scemo a me? … Chi lo sa quello che ti porti dentro… magari non è proprio nera nera come la vedo io ma tu non ti puoi mettere coi ragazzini… e non ti puoi pigliare in giro da solo… quando dici certe cose io mi chiedo se lo capisci o no quello che stai dicendo… Mo’ lo vedi che è successo? … Mo’ qua ci siamo scambiati le parti… e com’è mo’? Le domande le faccio io? Eh! E’ un’intervista o no? … Tu una cosa non ti vuoi mettere in testa, e non me la volevo mettere in testa nemmeno io, che ci siamo fatti vecchi, che non è gay o non gay che conta ma quanta strada c’hai ancora davanti… a me me n’è rimasta poca, tu magari un pezzettino di più ce l’hai ma poi dove vai a finire? … Vai a finire in una casa di riposo o in mano a una badante… Pure tu ci finisci! … non ti preoccupare… io mo’ sto a casa mia … e tutto sommato sto bene, aspetto la morte serenamente, mi sono fatto una ragione… e che gli posso dire io ai ragazzi? Hai capito? Non è che uno non gli vuole bene, quelli ragazzi sono… ma che vuoi fare oramai il mondo è il loro e noi non c’entriamo più niente… nemmeno tu c’entri più niente tu fai, fai, ma prima o poi ti renderai conto e allora ti ricorderai che questo cretino te l’aveva detto alla vigilia di Natale del 2007. Mo’ basta va’! Togli sta cosa che mi devo stendere un poco sul letto…

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...