POSTILLA

POSTILLA

E’ difficile scendere dal livello del sublime
che dice e non dice,
staccarsi dalla parole,
spegnere queste stelle.
Ho creato un sublime violento,
schermo di lussuria,
che mi veste d’irrealtà
e ancora si accosta al silenzio la mia parola
e non dice.
Mi sono posto al sicuro
dove si vede e non si è visti
per spiare un angelo di carne
che non sa chi sono.
Gioco a stupirmi e sorridere.
Ho imparato anche a volare per apparire sublime.
Ho imparato a non guardare ciò che desidero,
a fingere stupore,
a collocare insidie buone a chi non le conosce.
Poco basta per svegliare la carne
e il sublime sorge per altri e per me tramonta.
Se tu vedessi dove io solo vedo…
se tu sapessi donde piove la ragnatela dorata…
perché l’anima scaltra mi si fa schermo…
gireresti gli occhi
o per sprezzante superiorità mi guarderesti ancora
e così distruggeresti l’anima e l’illusione.
Ma io sogno che così non sia
e che il tuo cuore mi rimanga al fianco
quand’anche fossi caduto,
per violenta smania,
dal limbo dell’attesa.

21/3/1981

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...